Cate Nuto
contatti
video
artista
opere
<<
antologia

Cinzia Comparati, curatrice di mostre d'arte contemporanea

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 4

"Dall'unione tra la filosofia, che è diventata la sua base teorica, e la pittura, è nato un linguaggio cromatico profondamente interiorizzato ed essenziale. Opere leggere, delicate, realizzate in un primo tempo solo a tempera o acquarello su carta, più recentemente anche su tela; un'evoluzione tecnica significativa dell'iniziale riservatezza e ritrosia nel mostrare il suo "io" e quindi le sue opere, scavalcato poi un forte desiderio di comunicare che è infine prevalso. Il poeta irlandese Gerard Manley Hopkins introdusse per la prima volta il termine "inscape" in opposizione al "landscape", proprio per designare "il paesaggio interiore" che ogni uomo crea dentro di sé in base alle esperienze individuali e all'interiorizzazione del proprio vissuto, così Cate Nuto realizza i suoi "inscape", dove le colline sono fucsia e i tetti delle case verdi, dove anche la ciminiera di una fabbrica può apparire elemento gioioso, torre dai contorni fumettistici di un parco giochi contemporaneo. Se il territorio è uno spazio che ci appartiene, in cui ci muoviamo e nel quale ci identifichiamo, il paesaggio diventa il riflesso della nostra azione, di vivere e abitare un luogo. L'uomo è al contempo elemento attivo del paesaggio, riponendo lì i suoi ricordi, i legami più profondi ma anche spettatore che lo interiorizza e lo astrae a propria personale interpretazione e sentire. Riflettendo sul paesaggio, Cate Nuto ne recupera anche una dimensione di tempo e quindi di analisi storica e d'identità. "


clicca qui per scaricare il pdf