Cate Nuto
contatti
video
artista
opere
<<
artista

Cate Nuto vive e lavora a Genova, artista e docente di filosofia, unisce due linguaggi e due passioni: le arti visive e l'estetica.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 5
  • 5

Cate Nuto vive e lavora a Genova, artista e docente di filosofia, unisce due linguaggi e due passioni: le arti visive e l'estetica.

Ha esposto con intensità in location italiane ed estere.

Nel 2018 presso il Museo della Commenda San Giovanni di Pré, Genova, dall'11 Gennaio al 28 Gennaio con Spazi Nuovi & Nuovi Territori la Cate Nuto presenterà nuove performance pittoriche.

Nel 2017 mostra personale in Kokoton Gallery, Venezia, nel cuore pulsante degli eventi Biennale - dal 21 ottobre al 4 novembre 2017.

Nel 2016 mostra personale intitolata "Correnti_ di _mare" a cura di Mara Campaner presso il Galata Museo del Mare di Genova, dal 5 maggio al 27 maggio 2016, e presentazione della mostra presso l'Auditorium del Museo.

Vi sono state nel 2015 eventi e pubblicazioni importanti e di spicco internazionale. L'artista è stata selezionata a far parte della pubblicazione internazionale "Percezioni contemporanee tra tempo luogo e spazio, a cura di Araxi Ipekjian, Ed.Arsev-Roma 2015 e pubblicazione dell'opera "Segmenti" / 2013 legno, juta e acrilico cm, 12x 12x12.

ARSEV nasce per la promozione e il sostegno della ricerca artistica contemporanea, con l'obiettivo di offrire opportunità e stimoli alla progettualità individuale e collettiva. ARSEV si propone come contenitore culturale non solo virtuale: l'attività editoriale ed espositiva sono alla base di una strategia di visibilità utile al raggiungimento di obiettivi di coinvolgimento e collaborazione, al fine di allargare la presenza e di contribuire all'evoluzione dell'arte e della cultura. Segue la segnalazione in "Ars e tEvolutio" dell'artista www.arsev.it.

Vi è una segnalazione e pubblicazione dell'opera "Mosaico" 2010 nella rivista Arte-Mondadori. Sempre nel 2015 a Stuttgart ha fatto parte dell' evento internazionale tra marzo e aprile a cura di Sara Radaelli "ITALIENISCHE KUNST IN DEUTSCHLANDARTE ITALIANA IN GERMANIA, in cui l'artista si fa conoscere all'estero e presenta una serie di opere di juta . Si mostra invece presso la Galleria ARTtime di Udine con opere inedite su tela con tecniche miste e con essenze.

Tra gli eventi del 2014 vi è la partecipazione ad ARTOUR-MUST FIRENZE in omaggio a Michelangelo. E a Bibbiena (Ar) in ExpArt a cura di Sivia Rossi e di Francesco-Biagini photographer-expoart-gallery-con opere di piccola dimensione con supporto in juta.

2013 ad ARTOUR-MUST MONTECARLO e ad AFFORDABLE Art Fair -AMSTERDAM Olanda e ancora ad ARTOUR-MUST FIRENZE.

Nel 2012 ricordiamo "Profumi" presso lo Spazio Bise a Milano 2012 con ARTube e "Semi di Mare" al Castello di Nervi Genova. Si avvia la sperimentazione delle essenze mescolate al colore per dare una profumazione e una suggestione alle forme rappresentate.

Ha iniziato ad esporre ad ARTOUR-O il MUST nel 2011 a Firenze presentata da ARTube, in seguito è stata presente alle edizioni di Londra 2011 -TENT LONDON, Firenze 2012 e nuovamente a Londra 2012 con "A red carpet for italian interiors".

Ha proseguito il suo cammino artistico con altre proposte di tecniche miste e nuovi materiali, (legno, acciaio ) entrando a far parte del progetto MISA Ipotesi Dinamica nel 2011 con MISA IL NEGRESCO a Forte dei Marmi, MISA FRAU Bologna per ARTEFIERA OFF// 2012 e MISA Fonte del Giglio ad Umbertide -Perugia.

Nel 2010 nel Castello di Nervi - Passeggiata di Anita Garibaldi l'artista ha associato il cibo con l'arte nella mostra personale "Memoria del gusto".

A Genova nel 2007 ha luogo al Basilisco, una mostra importante presentata dal critico G. Beringheli, da cui seguirà la segnalazione nel "Dizionario dei pittori liguri" a cura di G. Beringheli, Ediz. De Ferrari. Si consolida il legame tra l'estetica e la filosofia.

Il tema del viaggio è ispirato dalla mostra Periplo immaginario di Hugo Pratt, a 10 anni dalla sua scomparsa, allestita a Siena nel complesso museale di Santa Maria della Scala. Il viaggio interiore sprigiona sensazioni e ricordi.

Da lì inizierà il tema della memoria del viaggio, il viaggio immaginario attraverso i ricordi e le immagini rivissute attraverso lavori su carta con tecniche miste.

A Torino nel 2002 nello Spazio d'arte Design di Francesco Longo con la critica dell'amico Claudio Arissone, viene allestita una mostra personale importante per la ricerca pittorica e visiva intitolata "Deduzioni" mescolata con il colore.

Fra gli anni '80 e '90 l'artista, fa parte di un gruppo di lavoro universitario genovese e avrà incontri e cenacoli filosofici nel Centro Internazionale di studi Rosminiani di Stresa, da cui nasceranno fruttuosi legami, per esempio, l'incontro con il filosofo Augusto Del Noce, filosofo del Novecento italiano. Tutto ciò si è potuto realizzare, grazie all' amicizia con la Prof.ssa Giuseppina Azzaro, docente di estetica dell''Università di Genova e successivamente dell' LUMSA di Roma dalla quale scaturiranno piacevoli conversazioni.

Sempre presso l'Università di Genova durante il corso di perfezionamento, l'artista ha approfondito gli studi di estetica moderna e contemporanea con la Prof.ssa Grazia Marchianò dell'Università di Genova -Facoltà di Filosofia. Dal 1995 al 2005 soggiorna per lunghi periodi nella terra delle Langhe dove ha potuto sperimentare il paesaggio collinare attraverso bozzetti, carte d'acquarello e fotografie, sempre nello stesso decennio ha analizzato il paesaggio delle valli del Chianti e, anche in questa occasione, ha prodotto acquerelli e lavori con tecniche miste.

Lavora e svolge la sua attività pittorica soprattutto a Sori, una località vicino a Genova, dove sperimenta la logica della collina ligure utilizzando grandi tele di juta.

La prima esposizione è stata nel 1979 a Bogliasco con il maestro Sirotti


clicca qui per scaricare il pdf